YATCH DA SOGNO: LE NOVITA’ DI FERRETTI GROUP

Passions
FEDERICO POLETTI

Da 50 anni Ferretti Group è un punto di riferimento per la nautica di lusso e non solo. Un nome che è entrato nell’immaginario collettivo, grazie a modelli memorabili spesso associati a icone di stile come Brigitte Bardot, che in Costa amava dare gas al suo Riva, o Sean Connery, che tre anni dopo avere rinunciato al ruolo di 007 acquistò lo storico modello Rudy.

Riva, è solo uno dei marchi del Gruppo, insieme a Ferretti Yachts, Pershing, Itama, Mochi Craft, CRN e Custom Line, che è stato definito la “Rolls Royce del mare“, per l’incredibile attenzione e cura del particolare, esclusività del design e costante innovazione di prodotto. Non a caso i modelli Riva sono protagonisti sin dai tempi della Dolce Vita insieme a personaggi del jet set internazionale, come Anita Ekberg (che possedeva un Tritone con tappezzeria zebrata), Elizabeth Taylor, Richard Burton, fino a Jean-Paul Belmondo, Kirk Duglas, Roger Vadim George Clooney.

In particolare i modelli Riva sono stati utilizzati spesso in film di grande impatto, da pellicole storiche come Mambo (1954), dove a bordo di un Ariston ci sono gli splendidi e tenebrosi Vittorio GassmanSilvana Mangano e Michael Rennie, passando per film d’azione come Indiana Jones e l’ultima crociata, e più recentemente Ocean’s Twelve e Golden Eye, interpretato da Pierce Brosnan, che per la prima volta veste i panni dell’agente segreto.

 

Una storia costellata di successi che si rinnova ogni anno, come dimostrano le novità presentate a Cannes e al Monaco Yacht Show, dove hanno debuttato due nuovi modelli: Riva 110’ Dolcevita e Riva 66’ Ribelle. Il primo è caratterizzato da un profilo supersportivo e da un design impreziosito da vetrate sagomate e inserti cromati, Riva 110’ è paragonabile a un lussuoso loft, aperto da ogni lato sul mare, capace di offrire al suo interno 270°di visibilità assoluta grazie a vetrate a tutt’altezza. Oltre all’innovativa struttura “spider frame”, una delle principali particolarità del modello risiede nella totale vivibilità degli spazi: le aree esterne di flybridge e prua sono infatti collegate tra loro e creano così un “infinity deck” di circa 34mq di aree conviviali da estrema poppa a estrema prua, in un’unica soluzione di continuità.

Riva 66’ Ribelle, ultimo capolavoro Riva contraddistinto da una dichiarata volontà di uscire dagli schemi abituali, introduce nuovi elementi sia estetici, sia funzionali e si connota per l’utilizzo dei materiali pregiati tipici della tradizione del cantiere, come il mogano e l’acciaio inox. Ma le novità non finiscono qui. Proprio sulla Croisette di Cannes Ferretti Group ha presentato altri importanti modelli: Ferretti Yachts 670, Custom Line 120’, Custom Line Navetta 42, première affiancate da una flotta di ben 25 modelli. Una strategia precisa, che ha riscontro anche nei numeri in crescita con ricavi pari a 420 milioni di Euro, (+22% rispetto allo stesso periodo del 2017), come spiega l’Amministratore Delegato Alberto Galassi: “Mai come in questo momento il successo è di chi si muove veloce nello sviluppo di novità e tecnologie d’avanguardia, e il mercato oggi guarda con sempre maggiore interesse agli yacht di grandi dimensioni. È proprio nel segmento delle navi da diporto, che stiamo investendo capitali, risorse, e tutto il nostro know how per consolidarci come punto di riferimento mondiale per eccellenza e design”.

Non a caso Ferretti Group ha vinto ben sei premi ai World Yachts Trophies 2018 di Cannes dove sono stati premiati per lo stile, il design e le novità tecnologiche Ferretti Yachts 670, Riva 66’ Ribelle, Riva 110’ DolceVita, Custom Line 120’, Custom Line Navetta 42 e Pershing 9X. Tra i nuovi nati della serie planante ha riscosso grande successo il  Custom Line 120’ per il design aggressivo e filante e dalla forte personalità, dove si incontrano stilemi dell’automotive con quelli dell’architettura residenziale. E’ la prima barca che consente di collegare direttamente i flybridge alla zona di prua tramite dei corridoi laterali con accesso anche da controplancia, creando un unico ampio ponte di 100 mq. Navetta 42 è la più grande Navetta Custom Line mai costruita, la prima imbarcazione nella storia del marchio a superare le 300 GT. Il super yacht propone un concept di ambienti interni completamente personalizzabili che sfrutta al meglio i volumi generosi della nave. Ne risultano una migliore organizzazione dei flussi a bordo, privacy totale per l’armatore e i suoi ospiti e ampia libertà di movimento per il comandante e l’equipaggio. Uno yacht con spazi extra comfort: una vasta suite sul ponte principale è a disposizione dell’Armatore, mentre il layout del ponte inferiore prevede un allestimento con 4 VIP rooms con doppi servizi per gli ospiti. Infine CNR Latona 50 affascina per il perfetto equilibrio tra le linee filanti degli esterni, la prua slanciata, gli ampi volumi degli interni e il raffinato color azzurro dello scafo. Lo stile Liberty e i dettagli preziosi, frutto di una sapiente maestria artigianale, donano continuità a tutti ponti grazie a linee fluide e sinuose, costante stilistica che accomuna tutte le aree dello yacht. Tante novità per un Gruppo che rappresenta un fiore all’occhiello del Made in Italy.

®Riproduzione riservata