STYLE PREVIEW PITTI UOMO 95

FashionNews
MASSIMILIANO BENETAZZO

Au197Sm

Il brand che ha fatto dell’innovazione la frontiera ultima del fashion design presenta in occasione di Pitti Uomo 95 CLIMBERS, la collezione autunno-inverno 2019-20 che veste l’uomo scalatore, nello spirito.
I suoi look, tutti accomunati da una visione pioneristica della moda, si spinge ben oltre il guardare avanti e che fa della creazione innovativa e d’avanguardia il suo centro propulsore. Un approccio che trova proprio nella retorica dell’arrampicata la sua dimensione figurativa: in tutta la collezione i moschettoni si alternano agli inserti catarifrangenti, riflettenti e iridescenti. L’effetto finale è quello di uno street-luxury in chiave sporty-tech.

Parcoats

Debutta a Pitti Parcoats Florence, brand di outerwear uomo e donna prodotto da Giovanni Allegri, imprenditore di una delle famiglie chiave della storia dello sportswear italiano, con la direzione creativa di Simone Guidarelli e Masha Brigatti. Una crasi tra Parka e Coat. Una composizione di sangue misto che affonda le sue radici nel concetto di Famiglia, intesa come l’appartenenza a un gruppo, difendendo però la propria unicità. La capsule collection uomo e donna autunno-inverno 2019/20 è composta da 24 pezzi ispirati alla libertà sartoriale anni Settanta, fondata sui concetti di recupero e creatività. Tramite una decostruzione dei capispalla, che appaiono tagliati, mescolati, rimontati, vengono esaltati dettagli in accostamenti azzardati, ma dal sapore self confidence. I materiali della tradizione come il panno di lana, il casentino, il bouclé, si accompagnano a tessuti in tela di nylon e gabardine high tech, in un’idea di contaminazione globale.

Lumberjack

Lumberjack ci presenta non semplici sneaker ma nemmeno running shoes: sono iperconfortevoli, hanno alte prestazioni e, oltre a essere super scattanti, si adattano a ogni look. La prima, ispirata al mondo sportivo tout court, sceglie materiali tecnici mesh textile abbinati a pelli PU per non rinunciare alla leggerezza ma, al contrario, per amplificarla. La tomaia della seconda, invece, rilegge il mondo Hybrid che conserva il dna del brand grazie all’utilizzo di materiali naturali e morbidi come il camoscio impreziosito dai ganci da montagna in metallo color canna di fucile. La suola voluminosa ma altrettanto leggera sceglie il Phylon – una EVA più lieve- con il battistrada in gomma e il plus di uno stabilizer in TPU che amplifica la stabilità nella camminata.

OOF

La kermesse fiorentina è stata scelta per presentare a livello globale la nuova immagine del brand che parte dal restyling del logo: un simbolo iconico ed essenziale, pulito, lineare e geometrico che rispecchia a pieno il concept della nuova collezione, The Shape’s Lab, il laboratorio delle forme. nella collezione Fall Winter 2019/20 in cui l’ispirazione nasce dai colori, dalle luci e dalle ombre che caratterizzano il sottobosco e i suoi elementi tutti racchiusi in un mix speciale e distintivo di tessuti e tonalità . In primo piano, come sempre,
design e ricerca che creano modelli al limite dell’iconico in cui le texture vengono reinterpretate come l’ecofur ironica, il velluto con il nylon cangiante, il pvc e i cotoni impermeabili, mentre la reversibilità rimane una firma identitaria del brand.

American Vintage

Presenza consolidata quella di American Vintage alla manifestazione Pitti Uomo . Comfort è la parola d’ordine del guardaroba maschile, che parte dai materiali pregiati e dai tagli loose per creare look morbidi tanto nella vestibilità quanto nello stile. Le fibre naturali come modal e tencel, soffici e traspiranti, e il cotone supima, di qualità superiore, si alternano ai capi 100% lana, a quelli in cashmere, alpaca, baby alpaca e lana merino extra-thin. Le forme sono vagamente over, come i tessuti guidate dall’ideale di un outfit prima di tutto confortevole. La palette richiama i toni dell’autunno e dell’inverno, spazia da quelli più neutri a quelli più vitaminici, giocando con le sfumature della natura e le cromie calde del focolare.

Cividini

Nel generale cambiamento del trend si inserisce sicuramente il nuovo approccio alle cose di bell’aspetto, all’handsome chic. Un uomo che si riappropria con sicurezza di quanto è consolidato nell’immaginario collettivo maschile, senza più timore del conosciuto bensì alla riscoperta del conosciuto. Il conosciuto nell’accezione di Cividini è il sedimento della cultura del bel vestire maschile reinterpretata con canoni moderni e mixata con elementi di rottura ripresi dalla cultura dei millennials. In questa collezione, si costruisce ed elabora il prodotto attingendo a piene mani nella tradizione del saper fare artigianale italiano, completando l’approccio slow con la più sofisticata tecnologia. l’Handsome Chic si materializza in un nuovo mix contemporaneo di tradizione e contaminazione.

Baldinini

Protagonista assoluto il coté sportivo di cui espressione è proprio la sneaker, che mostra il suo volto più cittadino, tanto da poterla indossare anche in ufficio, sotto un pantalone elegante, e che offre totale libertà di movimento. Costruite intorno a dettagli importanti, con una ricerca continua di texture e di colori in linea con il trend invernale. I modelli sono versatili, amplificano il fattore comfort nel loro carattere maschile e strong, impreziositi da una sapiente ricerca, nell’uso speciale dei materiali, delle lavorazioni e delle tomaie utilizzate: perfetta espressione è la ginnica a polacchino, costruita su fondo in gomma particolarmente leggero e tomaia in nappa estremamente morbida. Risultano performanti e perfette per il tempo libero.

 

 

 

Moose Knuckles

“Man Against the Elements” è il concept scelto dal  brand canadese di abbigliamento outdoor di lusso, per la nuova stagione FW19-20 presentata alla 95°edizione di Pitti Uomo. Capi casual e dal design unico adatti alla vita di tutti i giorni, ma allo stesso tempo funzionali grazie all’utilizzo di materiali resistenti, per proteggere chi li indossa da ogni condizione climatica. Il designer Tu LyIl ha tratto ispirazione dal mondo marittimo e dalle avventure nautiche, la nuova collezione infatti è un richiamo al mare, al grande classico della letteratura Moby Dick, ma anche al più recente docureality statunitense The Deadliest Catch – in onda su Discovery Channel, che ritrae la vita reale abordo dei pescherecci nel Mare di Bering, in Alaska.

 

®Riproduzione riservata