Premio Carmignac di Fotogiornalismo

Art&DesignCulture
REDAZIONE MANINTOWN
©Narciso Contreras for the Fondation Carmignac

Non è facile vedere a Milano, nella sede storica e istituzionale di Palazzo Reale, un progetto fotografico così forte e drammaticamente attuale, come quello firmato da Narciso Contreras Libya: A Human Marketplace. Si tratta del reportage incentrato sul traffico di esseri umani, che il fotografo documentarista messicano è riuscito a realizzare nell’arco del 2016, dopo aver vinto il Prix Carmignac, premio di fotogiornalismo di grande importanza internazionale, ideato e promosso dalla Fondation Carmignac.
Contreras, dalla poetica dura e decisa nei suoi scatti, ha voluto concentrare tutto il suo lavoro sulla brutale realtà della tratta di schiavi ai confini della Libia post-Gheddafi, mettendo in luce una vera e propria crisi umanitaria che vede migranti, rifugiati e richiedenti asilo ritrovarsi in balia delle milizie, che li sfruttano a fini commerciali ed economici. Il Prix Carmignac di fotogiornalismo ha lo scopo di sostenere, ogni anno, un reportage fotografico e giornalistico d’inchiesta sulle violazioni dei diritti umani e della libertà d’espressione nel mondo, mettendo a disposizione un fondo di 50.000€.
La mostra è già stata ospitata all’Hôtel de l’Industrie, nel cuore di Saint-Germain-des-Prés a Parigi e, subito dopo Milano, partirà per Londra, alla Saatchi Gallery.

www.palazzorealemilano.it
@Riproduzione Riservata