A new urban landscape: TATRAS e Bros ri-disegnano Fondazione Feltrinelli

Art&DesignCulture
GIUSEPPE PORROVECCHIO

Continua l’impegno di TATRAS nel coniugare arte e moda. Masanaka Sakao, anima creativa del brand, ha infatti lanciato l’idea di far della Fondazione Feltrinelli uno spazio capace di riflettere l’essenza vera della street art, disegnando un nuovo paesaggio urbano costruito sulla leggerezza e trasparenza che caratterizzano la costruzione, in grado di dialogare tra interno ed esterno e di riflettere il dinamismo di Milano. Per realizzare il progetto è stato scelto Bros, attivista italiano di spicco e già creatore di imponenti opere come Andrea al Macro di Roma o Padiglione Natura a Milano, che si è cimentato in una suggestiva performance live e ha elaborato la semplicità dell’architettura di Fondazione Feltrinelli, opera di Herzog & de Meuron, con un’istallazione inedita per TATRAS, in cui coniuga i propri grafismi alla cultura giapponese del brand, grazie anche agli allestimenti pensati da Angelo Jelmini che, tra oscurità e luce, fa sbocciare fiori di loto all’interno dell’auditorium. Contaminazioni razionali e tendenze artistiche ‘post graffiti’ uniscono così fashion e design in un effetto più che sorprendente, dialogando abilmente con spazio e urbanità, colore e astrazione e figurazione.

@Riproduzione Riservata