Mete da scoprire: Week end a Porto

Travel
CHRISTIAN VISMARA

Porto è la seconda più grande città portoghese, adagiata sulle rive del Douro, conosciuta in tutto il mondo soprattutto per il famoso ed omonimo vino addolcito dal Brandy. Nonostante la vicinanza con l’oceano, Porto ha un sapore completamente diverso dalle città del sud del paese: l’architettura è piuttosto variegata, ma presenta elementi gotici e un utilizzo massiccio del granito che contribuiscono a darle un’aria più cupa rispetto alla capitale. Come spesso accade, esiste una grande rivalità tra le grandi città di un paese, in questo caso tra Porto e Lisbona: i portoghesi sono soliti dire che a Porto si lavora, a Braga si prega, a Coimbra si studia, ma alla fine i soldi finiscono tutti a Lisbona. In effetti la capitale sembra essere più sviluppata della sorella del nord, anche se, grazie alla fine dell’austerità e alla grande crescita del turismo in Portogallo, Porto sta ritornando agli antichi fasti, riscoprendosi capitale del design e della cultura. Siamo andati a scoprire per voi questa gemma nascosta ai confini d’Europa e raccolto alcuni indirizzi da non perdere in città.

 

I siti storici e turistici

Partiamo da quei luoghi storici che sono meta immancabile per ogni turista che passi da Porto: abbiamo la stazione dei treni di São Bento, con la sua maestosa volta ricoperta di Azulejos, la Capela das Almas e la Igreja De Santo Ildefonso, decorate anche loro con le tipiche piastrelle portoghesi. Immancabile la passeggiata sulla riva del fiume Douro (la Ribeira) e sul ponte Dom Luís I, per poi arrivare sull’altro lato del fiume, dove si trovano le migliori cantine di vino Porto. Infine, ci sono le viste incredibili offerte dalla terrazza della cattedrale (Sé do Porto) e dalla Torre dos Clérigos, mentre chi volesse immergersi nella natura può optare per i freschi e pacifici Jardins do Palácio de Cristal.

01

 

L’architettura

Porto è una delle mete preferite per gli amanti e studiosi di architettura per via della sua grande diversità negli stili: barocco, neoclassico, gotico, ma soprattutto contemporaneo. Álvaro Siza, nato a Matosinhos, piccola città costiera nei pressi di Porto, e tutt’ora in vita, è l’architetto portoghese più premiato (e probabilmente anche il più conosciuto). Nella città di Porto e dintorni è possibile visitare numerose tra le sue opere, come la Casa de Chá da Boa Nova, costruita interamente su rocce oceaniche e oggi riconvertita a ristorante di lusso, le Piscinas das Marés, realizzate sulla costa oceanica e riempite solo d’acqua salata, e il museo d’arte contemporanea Serralves, sempre attivo con proposte artistiche d’avanguardia e circondato da un bellissimo spazio verde.

02

Casa da Música

Altro splendido esempio di architettura moderna in contrasto con lo stile antico circostante è la Casa da Música, progettata da Rem Koolhaas dopo una sfida con i migliori studi di architettura contemporanei e costruita nel 2001, quando Porto era capitale della cultura europea. La Casa da Música è uno dei fulcri culturali della città, il ricco programma musicale viene eseguito principalmente nella sontuosa Sala Suggia, dedicata a Guilhermina Suggia, violoncellista portoghese con discendenza italiana, una delle prime donne ad intraprendere una carriera professionale come violoncellista. Oltre ai concerti, la Casa da Música offre anche visite guidate all’intera struttura, indispensabili per poter accedere a tutti gli spazi e conoscere il significato delle varie scelte architettoniche e, una volta per mese, si trasforma in club e ospita un party eclettico in cui ogni sala propone un genere musicale differente.

03
Il piatto locale

Piatto tipico di Porto non adatto ai deboli di cuore è la Francesinha. La leggenda vuole che il suo inventore, Daniel da Silva, un emigrante portoghese ritornato da Francia e Belgio, cercò di adattare il Croque Monsieur, tipico sandwich francese, al gusto portoghese e che aggiunse la salsa piccante proprio in onore delle donne francesi, che a sua detta erano le più piccanti che avesse mai conosciuto. La Francesinha è un piatto composto da due fette di pane farcite da strati di carne, formaggio, pane, salsiccia e uovo, il tutto ricoperto da una salsa a base di pomodoro, birra e peperoncino e circondato da patatine fritte. Tra posti consigliati dove sperimentare il piatto più famoso di Porto è il Café Santiago. Per chi volesse orientarsi su qualcosa di più leggero consigliamo il Food Corner, posto molto in voga tra i locali e che riunisce vari stili di cucina sotto lo stesso tetto.

04
Le barberie

Uno dei tratti tipici di un po’ tutto il Portogallo sono le barberie tradizionali, rimaste immutate per decine e decine di anni, e che ancora oggi mantengono quel fascino del luogo senza tempo. Se volete dare il meglio nelle vostre foto ricordo, la migliore in città è la Barbearia Porto, dove i portoghesi si rasano e pettinano sin dal 1946. Specializzati in tagli tradizionali, curano con minuzia ogni singolo dettaglio, tanto che un trattamento completo capelli e barba dura circa un’ora e mezza, specialmente se avete richiesto un taglio sfumato sui lati. Attesa che verrà completamente ripagata dalla sensazione di freschezza che proverete dopo la rasatura con panni caldi e dallo stile che sfoggerete grazie alla nuova pettinatura, perfezionata da un tocco di brillantina.

06
Souvenir

Una delle piaghe del turismo moderno sono i negozi di souvenir copia incolla pieni di prodotti made in China, che di locale hanno poco o nulla. Per chi volesse portare a casa un pezzetto di Portogallo, ma farlo con stile, il posto giusto è A Vida Portuguesa. Questo negozio nasce originariamente a Lisbona, dove ne esistono addirittura tre, dalla mente della giornalista Catarina Portas, decisa a riportare in vita quei marchi e quei prodotti portoghesi che ne avevano segnato l’infanzia, spariti poi dal mercato per via della concorrenza con le multinazionali. In questo negozio si possono trovare profumi cosmetici tradizionali portoghesi, come il dentifricio Couto o la colonia Musgo Real, ma anche cibi tradizionali, porcellane e tessuti, tutto rigorosamente made in Portugal.

05
Livraria Lello

Per chi ama leggere e scoprire luoghi dallo spirito retrò c’è la Livraria Lello, una delle librerie più antiche del Portogallo, inaugurata nel 1906. La Livraria Lello è un luogo dall’aspetto magico e maestoso, nonostante le dimensioni decisamente contenute, e pare che J.K. Rowling la frequentasse spesso durante il suo soggiorno in Portogallo, traendone ispirazione per l’ambientazione dei suoi libri. Dal 2015 la libreria applica una politica piuttosto inusuale: all’ingresso viene richiesto il pagamento di 4€, poi convertibile come sconto sull’acquisto di un libro. Nonostante le critiche pare che l’idea stia funzionando, tenendo sotto controllo l’afflusso di turisti e trasformando sempre più visitatori da semplici curiosi a lettori di libri.

07
Dormire a palazzo

Tantissimi gli indirizzi dove sperimentare lo stile di vita portoghese.  Se volete un’atmosfera casalinga ma all’insegna del design minimal e della natura, da provare Casa 1015 (http://casa1015.pt) , una vera e propria casa con uso cucina completamente attrezzata progettata dall’architetto Eduardo Souto de Moura che ha vinto il premio Pritzker. Questa struttura – pensata per pochi ospiti alla volta – combina l’architettura contemporanea con gli elementi tradizionali della zona. Di sapore totalmente diverso, per vivere nello splendore di un antico palazzo, è Palacio Fenizia (www.palaciofenizia.com), situato nel cuore del centro storico di Porto, vicino Rua Santa Catarina e il mercato di Bolhao, una delle residenze più romantiche della città.  Ha 5 spaziose suites che sorprendono per le pareti decorate e gli stucchi originali e I decori tradizionali portoghesi ( azulejos ) uniti alle linee moderne degli arredi. E’ una delle poche dimore che ha conservato lo charme delle Residenze Borghesi del primo 900. L’idea è di creare una guesthouse con giardino d’inverno e una design gallery, dove si possono comprare arredi, oggetti di design e scoprire talenti portoghesi, socializzando con gli ospiti e i clienti abituali della galleria.

A- Fachada
Shopping e designer da scoprire

Porto non è solo una città ricca di monumenti e paesaggi, ma offre un interessante panorama di negozi sparsi per la città che possono offrire una straordinaria esperienza di shopping. Si parte dai multibrand più modaioli come Fátima Mendes e Fashion Clinic sulla Avenue Boavista dove potete trovare tutti i big brand, fino a concept store come Wrong Weather, che vende numerosi designer emergenti portoghesi e una selezione di marchi sportswear e streetwear  più consolidati. Da diversi anni Porto è anche la città dove si svolge la Portugal Fashion Week (due volte l’anno) che è uno dei più importanti eventi fashion della Penisola Iberica. Tra i brand menswear consolidati e vera star della Portugal Fashion è Miguel Vieira, designer che produce le sue collezioni dal 1988, un talento che è stato riconosciuto a livello internazionale da diversi premi importanti, come il “Golden Globe for the Best Fashion Designer”. La sua è una  collezione uomo luxury e sofisticata sia nei tessuti, sia nei tagli, che si accendi di un tocco rock&roll. Tra gli altri talenti della moda portoghese è Hugo Costa, che ha anche recentemente debuttato alla fashion week di Parigi e si caratterizza per uno stile decostruito e giocato su colori molto intensi. Tra le promesse in ascesa e già distribuiti anche fuori del Portogallo sono nomi come Estelita Mendonça, David Catalán, Inês Torcato che lavorano tutti su un concetto di moda casual ma più sperimentale grazie al mix di materiali insoliti dove il classico si unisce al tecnico.

La vita notturna

La vita notturna a Porto è frizzante e, meteo permettendo, viene vissuta sempre all’aperto e bicchiere alla mano. È piuttosto comune visitare diversi bar durante la stessa notte, anche perché la movida portuense regala spesso sorprese inaspettate, come la Capela Incomum, bar situato proprio all’interno di un’ex cappella religiosa, il Bop café, che ospita una collezione mastodontica di dischi in vinile e il Cataraio, locale dedicato alla birra artigianale, che è ancora un costume di nicchia in Portogallo. Per chi poi non riesce a concludere una serata senza prima sudare almeno un po’ sulla pista da ballo, il club migliore della città è il Plano B, che da anni ospita i migliori artisti e Dj, definendo il suono della città.

08
®Riproduzione riservata